Ristrutturazione: conviene cambiare i mobili?

Pubblicato il Pubblicato in Arredamento, Consigli utili
Ristrutturazione: conviene cambiare i mobili?
Ristrutturazione: conviene cambiare i mobili?

Ristrutturare casa – che si tratti di un piccolo appartamento o di una grande casa indipendente – ha sempre uno scopo preciso: migliorare le condizioni abitative accrescendo il valore dell’immobile.

In pratica è una cosa che fai quando vuoi investire sulla qualità della tua vita tutelando il tuo patrimonio. Risparmia e vivi meglio. La ristrutturazione è un argomento che conosco bene, infatti intervengo spesso con il cambio degli arredamenti proprio durante dei lavori di ristrutturazione. Se ne scrivo oggi è perché la scelta dei mobili viene spesso sottovalutata. Lasciata in fondo alla lista delle cose da fare e per questo penalizzata.

Parlando di ristrutturazione è facile pensare a:

– sostituzione dei sanitari

– rifacimento impianto elettrico

– rifacimento impianto idraulico

– modifiche strutturali interne (ingrandire o ridurre gli ambienti)

– rifacimento impianto di riscaldamento (utilizzo di nuove tecnologie)

– sostituzione dei pavimenti

Queste sono le operazioni più frequenti a cui si dedica attenzione sottovalutando la scelta dei nuovi arredamenti. Questo perché essendo i mobili sostituibili in qualsiasi momento, non si ritiene necessario valutare la cosa durante la ristrutturazione e così ci si ritrova spesso col dire “in caso lo facciamo tra qualche mese” .

Non c’è fretta insomma… Non proprio e ti spiego il perché.

Non rimandare la scelta dei mobili.

→ Esistono diversi motivi per dedicare la massima attenzione al tuo nuovo arredamento e ho cercato di riassumerli qui sotto.

1. Energetico

Spesso la ristrutturazione riguarda scelte energetiche (come la casa viene riscaldata o raffrescata) e questo ha direttamente a che fare con la classe di efficienza energetica dei tuoi elettrodomestici da incasso. In pratica, investire su impianti a basso consumo senza preoccuparsi di sostituire gli elettrodomestici da incasso con nuovi modelli abasso consumo energetico, significa ritrovarsi nella condizione di partenza. È il modo migliore per sprecare i tuoi soldi.

2. Estetico

A volte è di natura estetica la spinta che ci porta a rivalutare l’immobile con dei lavori: vogliamo una casa più bella. Rifletti però su un elemento importante: i mobili sono i principali responsabili del grado di raffinatezza estetica deglia mbienti interni della tua casa. Significa che impatta sulla tua vita privata e su ciò che gli altri vedono. Anche le migliori ristrutturazioni senza un perfetto coordinamento estetico restano penalizzate. “Perché non avete cambiato anche i mobili?” è ciò che parenti e amici chiedono in questi casi vedendo il lavoro finito (non esattamente il complimento che ti aspettavi).

3. Il tuo tempo

È naturale che concentrare tutti i lavori in un periodo definito per te significa risparmiare tempo e questo non ha valore. Si traduce inoltre in un risparmio di soldi e stress inutili.

4. Economico

Facendo tutto insieme il risparmio di denaro è considerevole. Soprattutto in questo periodo, grazie a strumenti come il Bonus Mobili potrai usufruire di una detrazione fiscale del 50% dell’importo speso per gli arredi. Esempio: spesa in arredamento (qualsiasi arredamento, cucina, camera, salotto, armadi, ecc.) € 10.000,00 x 50% sono € 5000,00 che verrano divisi in 10 anni, durante i quali riceverai 500,00€ di sgravi fiscali per ogni anno.

Per accedere al Bonus Mobili devi mettere in atto interventi di recupero del patrimonio edilizio, ovvero una ristrutturazione.

Opportunità di una ristrutturazione

La ristrutturazione può essere un’ottima opportunità per i tuoi nuovi arredamenti. Mi spiego meglio…

 

Il sistema di arredamento che utilizzo è in grado di sostituire completamente il vecchio arredamento con uno nuovo senza che questo richieda lavori in muratura. Questo ci permette di ottenere in ogni condizione il massimo rendimento dal punto di vista estetico e strutturale del nuovo arredamento.

Ciò non toglie che avendo la possibilità di eseguire piccole modifiche (esattamente quelle che avvengono durante una ristrutturazione) le scelte che riguardano i nuovi arredamenti potrebbero valorizzare ulteriormente l’immobile e rispondere con estrema precisione alle esigenze di chi acquista.

In pratica se mi trovo a suggerire ad un cliente dei mobili nuovi faccio i conti con le condizioni della sua casa senza prevedere modifiche, se la mia consulenza avviene durante una ristrutturazione so di poter indicare scelte ancora più adatte al cliente in funzione del fatto che delle piccolissime modifiche mi permetteranno di utilizzare modelli particolari di arredi. In questo caso “pensarci qualche mese dopo” non consente di ottenere lo stesso risultato.

Coordina il lavoro

Per esperienza la cosa migliore è mettere in contatto tra loro le imprese coinvolte. Questo avviene già nel caso in cui tu ti sia affidato ad un professionista (architetto, geometra o impresa) per coordinare tutto il lavoro. Lo dico perché solo un buon dialogo tra le parti coinvolte si tradurrà in un ottimo risultato per la tua “nuova” casa.

Come posso aiutarti concretamente? Contattami oggi stesso al Numero 097571175, oppure prenota qui la tua consulenza arredativa e sarò felice di aiutarti a prendere la decisione migliore per i tuoi nuovi arredi.

Un pensiero su “Ristrutturazione: conviene cambiare i mobili?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *