Il Bonus Mobili 2019 Spiegato in Maniera Semplice (Con Video)

Pubblicato il Pubblicato in Arredamento, Consigli utili, Uncategorized

Anche per quest'anno hai la possibilità di arredare casa con più leggerezza grazie al bonus mobili 2019.

Capisco che spesso non è semplice districarsi in mezzo al burocratese che i nostri legislatori utilizzano quando si tratta di far recuperare dei soldi a noi poveri contribuenti, per questo ho pensato di scrivere questo articolo in maniera talmente semplice e spicciola che non dovrebbe essere più un problema capire il funzionamento di questo ottimo incentivo, anche se non sei un tributarista di professione. Andiamo a scoprirlo nell'articolo.

Cos'è il bonus mobili?

Il bonus mobili è un'agevolazione fiscale che ti restituisce il 50% di quello che spendi per arredare una casa sulla quale hai avviato una ristrutturazione edilizia a partire dal 1 gennaio 2018; sotto forma di detrazioni IRPEF.

Quanto posso detrarre?

La spesa massima che puoi detrarre è di 10.000  e su questa viene calcolata il 50% della somma da detrarre.

Come funzonano le detrazioni?

La detrazione Irpef del 50% per l'acquisto di mobili ti viene ripartita in dieci quote annuali di pari importo ed è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 10.000 euro.

Se sei un lavoratore dipendente, ad esempio, e spendi 10.000,00€ in nuovi arredi;  andresti a ritrovarti in busta paga ogni mese di luglio 500,00 € in più per i prossimi 10 anni.

Se invece sei un imprenditore o un professionista potresti allo stesso modo detrarre per dieci anni una somma pari al 50% di quello che hai speso per arredare il tuo immobile ristrutturato, fino ad un tetto massimo di 10.000€.

questo cosa vuol dire? Vuol dire che ovviamente  puoi spendere di più per i tuoi arredi, ad esempio 30.000,00€ ma la cifra sulla quale saranno calcolate le detrazioni sarà sempre di 10.000,00€. Oppure al contrario, puoi spendere di meno, ad esempio 4.000,00€ ed a quel punto potresti godere di detrazioni pari al 50% di 4000,00€ dunqe 2000,00€ ripartiti in dieci anni che equivalgono a 200,00€ al mese che ti verranno puntualmente restituiti.

Come posso accedere al Bous Mobili?

Come detto in precedenza, per fruire del Bonus Mobili è necessario che il proprietario di una singola unità abitativa da arredare abbia dato inizio, a suo nome, a lavori di ristrutturazione sul medesimo immobile (beneficiando della relativa detrazione al 50%).

Vediamo le dinamiche:

  • Non è richiesto che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l’arredo dell’immobile;
  • È invece necessario che l’inizio dei lavori avvenga prima di effettuare le spese per la mobilia;
  • Nel 2019 l’agevolazione potrà essere richiesta solo se l’intervento di ristrutturazione è iniziato dopo

    il 1° gennaio 2018;

Per ottenere il Bonus Mobili quale intervento è necessario effettuare?

I lavori sulle unità immobiliari residenziali e sugli edifici residenziali per i quali spetta l’agevolazione fiscale sono:

  • Singole unità abitative. Manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia;
  • Parti comuni di edifici condominiali. Manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia;
  • Interi fabbricati. Ristrutturazione edilizia, restauro e risanamento conservativo se i lavori sono eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare o da cooperative edilizie che entro 18 mesi dal termine dei lavori vendono o assegnano l’immobile;

Una cosa importante da tenere a mente è che il contribuente che esegue lavori di ristrutturazione su più unità immobiliari avrà diritto al beneficio più volte. L’importo massimo di 10.000 euro va, infatti, riferito a ciascuna unità abitativa oggetto di ristrutturazione. Quindi hai intenzione di fare i lavori al tuo appartamento e magari anche alla tua seconda casa al mare o in città la somma alla quale applicare il bonus mobili raddoppia a 20.00,00€.

 

Quali Beni posso acquistare?

La detrazione spetta per l'acquisto di:

  • mobili nuovi
  • grandi elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+, (A per i forni), per le apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica.

A titolo esemplificativo, rientrano tra i mobili agevolabili letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, nonché i materassi e gli apparecchi di illuminazione che costituiscono un necessario completamento dell’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione.

Non sono agevolabili, invece, gli acquisti di porte, di pavimentazioni (per esempio, il parquet), di tende e tendaggi, nonché di altri complementi di arredo.

L’acquisto di mobili o di grandi elettrodomestici è agevolabile anche se i beni sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio.

Ad esempio; se fai dei lavori di ristrutturazione in bagno, hai la possibilità di acquistare una nuova cucina usufruendo comunque delle detrazioni.

Quali adempimenti sono necessari?

Per avere la detrazione occorre effettuare i pagamenti con bonifico o carta di debito o credito. Non è consentito, invece, pagare con assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento. Se il pagamento è disposto con bonifico bancario o postale, non è necessario utilizzare quello (soggetto a ritenuta) appositamente predisposto da banche e Poste S.p.a. per le spese di ristrutturazione edilizia.

Puoi usufruire delle detrazione anche se pensi di acquistare finanziamento a rate che possiamo fare direttamente noi  in negozio, in questo modo tu avrai una una copia della ricevuta del pagamento perfettamente in regola.

Ricorda che i documenti da conservare sono:

  • l’attestazione del pagamento (ricevuta del bonifico, ricevuta di avvenuta transazione, per i pagamenti con carta di credito o di debito, documentazione di addebito sul conto corrente)
  • le fatture di acquisto dei beni.

Per concludere

Spero che questa guida ti sia stata utile, nel caso ti fossero sovvenuti dei dubbi non devi fare altro che contattarci e fissare un appuntamento per discutere insieme del tuo progetto, in questo modo potremo capire come possiamo aiutarti ad arredare la casa che desideri.

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *